Potatura Alberi da Frutto: Calendario e Consigli Esperti

Devi eseguire la potatura degli alberi da frutto e vuoi essere certo di avere i giusti attrezzi da giardino, oltre che una tecnica corretta? Questa guida fa proprio al caso tuo!

potatura alberi frutto
Condividi questo articolo:

La potatura alberi da frutto è fondamentale se coltivi alberi, sia in casa che per la tua attività. Per questo devi necessariamente conoscere gli attrezzi da giardino e i metodi migliori per assicurarti una crescita sana e favorire la produzione annuale. Spesso, chi è alle prime armi pensa che in fondo, per avere un frutteto ricco, è sufficiente scegliere le piante giuste. Ma non è così!

Abbiamo creato questa guida per aiutarti a capire quali sono le tecniche giuste per la potatura, i periodi in cui farlo e su quali alberi.

Di seguito vedremo quali sono i principi base per una buona cura degli alberi da frutto, soffermandoci anche su quali sono gli attrezzi da giardino più adatti e perché dovresti noleggiarli.

La potatura: principi base

La potatura è un intervento importante sulla struttura di un albero da frutto, che non solo dev’essere effettuata correttamente, ma anche utilizzando gli attrezzi da giardino giusti. Il taglio infatti, dev’essere preciso e netto, proprio per impedire l’aggressione da parte di parassiti o muffa.

Le ragioni per cui è necessario imparare a effettuare correttamente quest’attività sono molteplici:

  • La potatura è essenziale non solo per favorire una crescita ottimale ma anche per mantenere la forma desiderata della chioma.
  • Un taglio ciclico utilizzando gli attrezzi da giardino corretti permette una produzione continua di ramoscelli nuovi, che impediscono alla pianta d’invecchiare e di smettere di produrre i frutti.
  •  La fruttificazione inizia solo quando la pianta ha già una chioma abbastanza folta. Questo vuol dire che potare troppo e nel periodo sbagliato costringe l’albero a restare nella fase giovanile, rimandando la produzione.

Gli elementi essenziali degli alberi da frutto

Come qualsiasi altra tipologia di albero, anche quelli destinati alla produzione del frutto sono composti da un tronco, delle radici e una chioma. Quest’ultima però, oltre alle classiche branche, ovvero i rami più robusti, sviluppa anche rami con gemme a fiore o in legno.

La differenza tra le due è fondamentale: le prime sono destinate alla fruttificazione, le seconde determinano la comparsa di altre foglie o germogli.

Come facciamo a distinguere? Ogni albero da frutto vive 2 fasi duranti il suo ciclo di vita che determinano la comparsa di uno o dell’altro tipo di rami.

  1. La fase giovanile, anche chiamata di allevamento, in cui la circolazione della linfa è intensificata per favorire lo sviluppo della chioma. Durante questa fase devi mettere da parte i tuoi attrezzi da giardino per non bloccare il naturale passaggio della pianta alla fase successiva. Gli alberi in questa fase si riconoscono facilmente perché hanno germogli lunghi e pochi fiori o frutti, considerando che lo sviluppo è concentrato sulle radici e non sulla chioma.
  2. L’età adulta, ovvero quella dedicata alla fruttificazione. E’ il periodo in cui non viene più prodotta cosi tanta linfa e la pianta si concentra sulla produzione del frutto.

Durante questa seconda fase gli interventi da taglio con gli attrezzi da giardino devono essere mirati alla rigenerazione della pianta e non alla rimozione di rami portanti. Un albero da frutto che cresce troppo e non invogliato a produrre nuovi ramoscelli (la chioma è più sviluppata rispetto alle radici), potrebbe invecchiare in fretta e smettere di produrre.

I cicli di potatura e le tecniche

Per eseguire correttamente la potatura degli alberi da frutto, dovrai seguire delle regole precise nel rispetto dello sviluppo naturale della pianta. Non basta infatti utilizzare i giusti attrezzi da giardino, ma dovrai distinguere tra i periodi d’intervento e i risultati che speri di ottenere.

Ecco quali sono i 2 tipi di potatura:

La potatura a secco o invernale

Si tratta del taglio che devi effettuare durante i mesi più freddi, quando la pianta è nella fase di ibernazione e non sta più producendo foglie. Lo scopo di questo tipo di taglio sono 2:

  • L’intervento di formazione: è la potatura da eseguire con attrezzi da giardino affilati, quando la pianta è ancora giovane e vuoi controllare lo sviluppo della sua chioma, favorendo anche la produzione. Il periodo ottimale per questo intervento è nei primissimi anni di vita, fino al 5°, con tagli del bastone primario per favorire la crescita laterale dei rami.
  • L’intervento di produzione: è la potatura da eseguire sulle piante mature, che hanno raggiunto il giusto equilibrio tra lo sviluppo della chioma e le radici. Lo scopo in questo caso è tagliare con i tuoi attrezzi da giardino i rami secchi o quelli che crescono verso l’interno. Questi ultimi tendono a bloccare la corretta circolazione dell’aria, bloccando anche la diffusione della luce o dell’acqua.

La potatura verde

Viene effettuata nei mesi più caldi, tra luglio e agosto, quando grazie alle alte temperature gli alberi da frutto entrano nella fase della quiescenza vegetativa. Lo scopo in questo caso è contenere per quanto possibile lo sviluppo della pianta, tagliando solo le parti superflue con gli attrezzi da giardino, onde evitare uno squilibrio tra lo sviluppo dei rami e le radici, e una corretta distribuzione delle gemme a fiore.

Potatura alberi da frutto: il calendario completo

Ogni buon agricoltore sa che per ottenere la massima resa da una pianta bisogna favorire per quanto possibile il suo naturale sviluppo.

Ecco il calendario da tenere a mente per la potatura degli alberi da frutto, considerando però che ogni specifico albero richiede delle accortezze apposite:

  1. Gennaio: durante il primissimo mese dell’anno puoi potare gli alberi che producono agrumi come l’arancio, il mandarino o il pompelmo. In più, puoi effettuare gli interventi necessari anche sulla vite.
  2. Febbraio: gli agrumi possono essere potati anche durante il secondo mese dell’anno e a questi si aggiunge anche il pero.
  3. Marzo: con l’arrivo della primavera, si possono compiere degli interventi da taglio con attrezzi da giardino sul pero, il pesco, l’albicocco, l’olivo, il susino e il kiwi. In più, puoi cominciare a curare anche le piante dei frutti di bosco come le fragole, i lamponi e le more.
  4. Aprile: è il mese dedicato al susino e ai frutti di bosco.
  5. Maggio: segna l’arrivo dell’estate, in cui usare i tuoi attrezzi da giardino sulla vite, il pero o il kiwi.
  6. Giugno: è il mese perfetto per potare limone, pero, pesco e la vite.
  7. Luglio e Agosto: sono i mesi considerati più caldi, in cui potrai potare solo le vite, il limone, il pero, l’albicocco, il pesco e il kiwi.
  8. Settembre, fino al 15 Ottobre: è il periodo in cui usare gli attrezzi da giardino sulle more, i limoni, l’uva, i lamponi o il pero.
  9. Dal 15 ottobre alla fine dell’anno: inizia il periodo di riposo vegetativo delle piante e non dovrebbero essere compiuti alcun intervento di potatura.

Eseguire la potatura su diversi alberi da frutto

Se non hai mai potato finora, l’approfondimento a seguire potrebbe esserti utile per capire quali sono le differenze tra i tipi da taglio in relazione all’albero sul quale viene eseguito l’intervento.

Vediamo insieme come eseguire la potatura e con quali attrezzi da giardino, sugli alberi più conosciuti e diffusi.

Potare le pomacee: il melo e il pero

Le pomacee sono un tipo di albero da frutto con rami molto spessi, che arrivano fino a 90 cm e che devono essere potati regolarmente e soprattutto in inverno, dopo la caduta delle foglie. Per effettuare una corretta potatura di formazione, devi intervenire solo sulle piante che hanno un massimo di 4 anni, mentre i tagli di rimonda possono essere effettuati in qualsiasi momento.

La potatura di produzione con gli attrezzi da giardino deve essere effettuata da dicembre a febbraio, tenendo però conto dell’età della pianta, la forma della chioma e la varietà piantata. Per il melo, dovrai tagliare a metà i rami che hanno già 2 o 3 anni, rimuovendo le lamburde vecchie, mentre per il pero il taglio dev’essere più lungo.

Si consiglia di potare questi alberi da frutto quando c’è un clima secco e solo utilizzando attrezzi da giardino ben affilati e di qualità. Ogni taglio dev’essere curato con giusti prodotti per evitare l’insediamento dei parassiti e dovresti evitare i tagli durante i periodi di gelo poiché potrebbero creare spaccature nei rami.

La potatura delle drupacee

Gli alberi che rientrano nella famiglia delle drupacee sono quelli che producono un frutto che ha all’interno un seme, come le pesche, le albicocche, le mandorle o le ciliegie. La particolarità di questa categoria è che le gemme da frutto crescono all’inizio dei rami e persino su quelli principali più spessi, mentre le gemme a legno si trovano solitamente in fondo ai rami.

Il periodo migliore per potare queste piante è dopo la fioritura, ovvero tra aprile e maggio, oppure dopo che hai già effettuato il raccolto tra agosto e settembre. Anche in questo caso dovrai stare attento agli attrezzi da giardino che usi, ricordando che queste piante sono spesso soggette a infezioni da peronospora.

Ecco quali sono le regole generali per la potatura di produzione di alberi da frutto come il pesco:

  • Durante i mesi più freddi, il taglio deve essere netto e posizionato sopra almeno 4 gemme a frutto.
  • Nei mesi di giugno e luglio devono essere tagliati i rami apicali e anche quelli che sono troppo in basso e crescono dai rami principali. In più, devi rimuovere anche i germogli laterali.
  • Dopo la raccolta, durante l’inverno dev’essere tagliato il ramo che ha fruttificato l’anno precedente.

Quest’ultimo è il principio generale che vale per tutti gli alberi da frutto di questo tipo: devono essere rimossi tutti i rami che hanno prodotto l’anno precedente. Cosi facendo, sarai certo che la pianta continuerà a produrre rami sempre giovani, assicurandoti una fruttificazione continua negli anni.

Gli attrezzi da giardino perfetti per la potatura

Pensi di aver capito quali sono le tecniche corrette per la potatura, ma sei ancora incerto su quali siano gli attrezzi da giardino più idonei? Tranquillo, esaminando attentamente la lista a seguire capirai finalmente quali sono gli strumenti più importanti che non devono mancare dal tuo inventario. Vediamo insieme quali sono le loro caratteristiche e funzionalità:

Le cesoie

Appartengono alla categoria degli attrezzi da giardino per il taglio, in grado di rimuovere i rami non troppo spessi. Facili da usare ed estremamente efficienti, in commercio ne troverai principalmente due tipologie:

  • Cesoia a cricchetto – è il modello più resistente e affilato, in grado di rimuovere i rami più spessi. La sua particolarità sta proprio nella capacità di distribuire uniformemente e progressivamente la forza esercitata dalla tua mano. Questi attrezzi da giardino sono particolarmente utilizzati durante la potatura degli ulivi, ovvero per eliminare i polloni.
  • La cesoia a doppio taglio – pur avendo una forma simile alle classiche forbici da potatura, questo strumento si differenzia per il doppio taglio e la capacità delle lame di convergere verso il centro del ramo.

Entrambe le tipologie di cesoie devono essere ben affilate.

Forbici

Le forbici sono gli attrezzi da giardino più noti e utilizzati durante le potature degli alberi da frutto. Oltre al classico modello da tenere in mano, che però non può essere utilizzato sui rami troppo spessi, ci sono anche le forbici ad asta lunga. Queste hanno manici telescopici che ti permettono di raggiungere anche le zone più alte e difficoltose della chioma.

La forbice a batteria ELECTROCOUP F3015, che trovi sul nostro sito e puoi noleggiare con un click, riesce a tagliare fino a 4 cm ed è perfetta sia per lavori professionali che per lavori amatoriali.

Lo svettatoio ZMV4 disponibile su easyNoleggio è lo strumento perfetto per raggiungere anche i rami più alti quando si potano gli alberi da frutto: grazie al braccio estensibile si riesce a potare fino a 5,7 mt. senza dover utilizzare altri accessori.

Seghetti

I seghetti sono attrezzi da giardino estremamente efficienti nella rimozione dei rami più spessi. Sia quelli a lama dritta che a lama ricurva sono dotati di denti affilati che riescono a rompere facilmente la superficie esterna dei rami. Per usare questi strumenti devi però avere la mano ferma ed essere in grado di esercitare sufficiente pressione per mantenere il giusto angolo di taglio.

Il seghetto a lama curva è quello più indicato per la potatura degli alberi da frutto, ama per effettuare i tagli in altezza dovrai necessariamente utilizzare anche una scala o una piattaforma aerea, che ti garantisca la massima sicurezza. Pur essendoci in commercio anche prolunghe telescopiche da aggiungere, molti ne sconsigliano l’utilizzo a chi è inesperto.

La motosega

Tra gli attrezzi da giardino motorizzati, la motosega vince per la sua versatilità e la semplicità d’utilizzo. Scegliendola, potrai eseguire la potatura nel minor tempo possibile e senza esercitare troppa pressione, optando tra i modelli elettrici, a benzina o diesel. Dotata di una comoda impugnatura e una lama con denti affilati che gira, essa ti permette di effettuare sia tagli orizzontali che longitudinali.

Anche la motosega ha bisogno di cure continue come: la lubrificazione delle lame, l’utilizzo di un corretto dispositivo di protezione e un buon sistema per l’affilamento. Per essere certo di poterla utilizzare al meglio, è consigliabile puntare sui modelli più leggeri e che riesci a maneggiare senza troppa difficoltà.

Scopri la gamma di motoseghe disponibili su easyNoleggio per trovare quella che fa maggiormente al caso tuo per i lavori di giardinaggio e potatura.

potatura autunnale

Strumenti per lavorare in altezza

Per raggiungere le parti più alte della chioma, potresti aver bisogno di un attrezzo telescopico o di una scala stabile e abbastanza alta.

Un’alternativa molto stabile e sicura sono le piattaforme aeree: scopri tutto su questi macchinari leggendo la nostra guida completa sulle piattaforme aeree.

I materiali di protezione personale

Durante l’utilizzo degli attrezzi da giardino da taglio, capita spesso che siano lanciante per aria schegge di legno pericolose per il volto o le mani. Ti consigliamo d’indossare sempre degli occhiali di protezione e dei guanti resistenti, anche quando non stai effettuando i lavori in altezza. In più, utilizza con cura le piattaforme o le scale e assicurati di avere sempre un punto d’appoggio stabile.

Noleggio attrezzi per potatura alberi da frutto

Leggendo la nostra lista esaustiva ti sei accorto che ti mancano degli attrezzi da giardino fondamentali? Una delle opzioni più veloci ed efficienti che ti permette d’iniziare immediatamente a tagliare è il noleggio.

Il noleggio ti aiuterà anche a capire qual è il tipo di attrezzatura giusta per te, potendo persino testare anche le funzionalità di più marchi differenti.

Ad esempio potresti voler testare più motoseghe con la certezza di poter sempre tornare indietro senza dover continuare ad utilizzarne una con cui non riesci proprio a lavorare. Comodo no?

Se ti trovi nel periodo ideale per la potatura degli alberi da frutto, ti consigliamo di non perdere tempo alla ricerca del miglior rivenditore, ma di optare per il noleggio con easyNoleggio, il nostro servizio che ti mette a disposizione un ampio catalogo di strumenti ben curati e che rispettano gli standard di sicurezza.

Di seguito abbiamo selezionato alcuni attrezzi che possono fare al caso tuo:

[banner id=”3361″] [banner id=”3364″] [banner id=”3367″]

Dai un’occhiata alla sezione con tutti i prodotti se invece stai cercando macchinari e attrezzature per il giardinaggio a noleggio e scegli quello o quelli che preferisci: sarà nostra cura fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno, guidandoti nel noleggio in maniera facile e veloce.

Condividi questo articolo: