Devo noleggiare una piattaforma aerea, quale devo scegliere?

tipi di piattaforme aeree
Condividi questo articolo:

Se state leggendo questo articolo è perché vi interessa sapere cos’è una piattaforma aerea, e forse state pensando di noleggiarne una. Si tratta di un macchinario che trova grande applicazione soprattutto nell’edilizia.

La prima piattaforma aerea in assoluto è stata inventata nel 1969 da John L. Grove, fondatore dell’azienda JLG Industries Inc. Un’idea tutto sommato semplice, ma che ebbe, e continua a farlo, un impatto enorme nel mondo del lavoro. L’obiettivo di Grove, che ha ricevuto il riconoscimento IAPA, oltre a essere stato onorato con il nome dato al College of Business dell’Università della Pennsylvania, era quello di permettere lavori in altezza in maniera del tutto sicura, con un risparmio di tempo e denaro. Ovviamente nel corso degli anni, e in particolare nell’epoca moderna, sono nati differenti tipi di piattaforme aeree, a seconda delle esigenze. Tutte però, senza distinzione alcuna, derivano dalle due invenzioni prodotte dalla JLG Industries Inc., lo scissor lift del 1973, cioè una piattaforma di lavoro verticale, e la piattaforma aerea del 1969. 

Tipi di piattaforme basate sull’uso commerciale 

In linea generale il principio di funzionamento delle piattaforme aeree è uguale per tutte le tipologie differenti di piattaforme. Esistono però almeno sette tipi di piattaforme aeree diverse, secondo le esigenze e l’utilizzo.

Ognuna ha il corrispettivo nome in inglese perché sono ovviamente gli Stati Uniti la patria di questi macchinari rivoluzionari per i lavori in altezza. Scopriamo qui di seguito solo alcuni tipi di piattaforme aeree: 

Piattaforme elevatrici verticali

In inglese “vertical mast”, sono tra i modelli più usati. La struttura è composta da un carro semovente e un sistema per il sollevamento con braci incrociati, sul quale poggia un cestello con i comandi a bordo. Il cestello sempre rettangolare e con dimensioni diverse, permette di portare in alto anche il materiale necessario per il lavoro. Trova applicazione in spazi ridotti, per lo più interni e in situazioni in cui vige un limite di carico, essendo più leggere della media.

Da un po’ di anni a questa parte si sono diffuse anche le piattaforme verticali elettriche, o “electric scissor”. Sono solitamente più compatte e quindi adatte a spazi ristretti o con minori margini di manovra.Sono alimentate a batteria di trazione in serie, mentre il controllo del macchinario è rappresentato dalla centralina.

scissors - easyNoleggio Blog

Incontriamo anche la versione delle piattaforme verticali Diesel, in inglese “combustion powered scissor”. Hanno funzionamento e struttura identici a quello delle piattaforme verticali elettriche, salvo per l’alimentazione e per l’altezza raggiunta. Il motore è a Diesel, mentre l’altezza raggiungibile è fino a 20 metri partendo da un minimo di dieci. Progettata per lavorare in esterno anche su terreni difficili, spesso sono dotati di uno stabilizzatore per il terreno, martinetti, che sono normalmente quattro.

Piattaforme articolate/telescopiche Diesel: “engine powered boom lift” in inglese. Sono queste le piattaforme aeree più grandi esistenti. Sono capaci di raggiungere altezze di lavoro enormi, grazie ai bracci telescopici e articolati di cui sono fornite. Si parte da modelli che arrivano a toccare i 15 metri, fino ad arrivare oltre 40 metri d’altezza. Diversi modelli più sofisticati arrivano ad avere anche fino a cinque centraline di controllo.

Piattaforme a ragno

In inglese “spider lift”: sono composte da un telaio su quattro stabilizzatori articolati che vengono azionati idraulicamente, e da una torretta girevole. Nella parte superiore presenta bracci telescopici, e all’estremità il cesto che contiene gli operai. Il tutto è sorretto da cingoli integrati nel telaio.  Il nome “a ragno” deriva proprio dall’aspetto della struttura e ai suoi stabilizzatori che ricordano le zampe di un ragno. I due modelli più utilizzati si dividono in 2 categorie, con braccio articolato o con braccio telescopico con Jib, e sono entrambe strutture leggere e in grado di raggiungere le altezze necessarie anche negli spazi più ristretti. Generalmente sono piattaforme alimentate a Diesel o a elettricità e adatte a situazioni particolarmente difficili, e che richiedono accessi complessi.

Noleggio ragno - easyNoleggio Blog

Come noleggiare piattaforme aeree 

Il noleggio piattaforme aeree è un’opzione valida per aumentare produttività ed efficienza, e ovviamente abbattere i costi derivanti da un acquisto, dalla manutenzione e dalle tasse del macchinario. Le piattaforme aeree possono essere noleggiate per brevi e lunghi periodi, e su easyNoleggio si riesce a trovare la soluzione e il pacchetto adatto per ogni esigenza. Importante ricordare che per maneggiare queste piattaforme è necessaria la certificazione come Operatore PLE a norma del D.Lgs 81/08

Conclusioni 

Le piattaforme aeree sono delle macchine essenziali per i lavori a grandi altezze. Da quando John L. Grove con la sua JLG Industries Inc. lanciò questo innovativo macchinario per la costruzione e la sicurezza delle persone nel 1969, le piattaforme hanno subito diverse evoluzioni. Avere la possibilità di noleggiare queste macchine è una scelta intelligente, economica e strategicamente valida. L’affittuario avrà quindi la possibilità di poter usufruire di macchinari sempre efficienti, e manutenuti, e inoltre non sobbarcarsi spese di gestione, tasse e manutenzione, che risultano essere particolarmente costose.

Condividi questo articolo: